Comunello? Cos'e'?

La prima domanda che viene in mente è senza dubbio questa: "cos'e' un Comunello?", Un circolo? Un’associazione? Un termine dispregiativo nei confronti di un Comune?
Niente di tutto questo. Un Comunello e' un "Uso Civico", cioè un bene che appartiene alla popolazione locale, con una sua amministrazione coordinata da un Consiglio eletto dagli stessi residenti.
comunellosmall

Oggetto di quest’amministrazione rimangono il Poggio di Oncinaia e la sede dell’ente(Loc. Casale – Masseto n. 33) che attualmente è identificata come una bella e funzionale struttura per ristorazione ed intrattenimento: è dotato di un bellissimo forno a legna fuori ed un camino all’interno. All’esterno si trova un gran prato con un piccolo campino da calcio, giochi per i bambini, tavolini e panchine per pic-nic.
In Italia esistono a tutt'oggi una trentina di "Usi Civici" sparsi in tutto il territorio. Nel passato erano molti di piu' ma nell'arco degli anni, le guerre, l'abbandono dei centri rurali, la prevalenza di interessi locali ecc. ne hanno ridotto drasticamente il numero.
A Casale ciò non è avvenuto grazie ai suoi pochi ma determinati abitanti che, nonostante le difficoltà di guerre, terremoti e varie avversita', sono riusciti a tenere vivo lo spirito di comunita' in questo piccolo paese dell’appennino Tosco-Romagnolo.
A distanza di secoli dalla sua nascita il Comunello di Casale ha mantenuto la sua natura ed e' riconosciuto come ASBUC, Amministrazione Separata Beni di Uso Civico.
Le elezioni sono indette ogni cinque anni dalla Regione Toscana e coordinate dal Comune di San Godenzo, alla presenza di un presidente di seggio e 3 scrutatori, con le stesse modalità e controlli delle elezioni amministrative.
Il diritto di voto è riservato ai residenti.
Il Consiglio è composto da cinque membri eletti dal popolo. Gli eletti nell’ultima votazione del 2016, con le rispettive cariche successivamente assegnate, sono risultati i seguenti:
Stacks Image 131
Presidente
Consigliere
Consigliere
Consigliere
Consigliere
Affortunati Elena
Conte Massimiliano
Falugiani Giuliana
Cerrata Ciriaco
Aspettati Andrea